Il metallo è una componente imprescindibile dall’uomo, un mondo senza il metallo non si può immaginare. Il metallo nella rubinetteria ha storia antica, tutto nacque dall’esigenza di regolare le condotte delle acque progettate dagli ingegneri Romani. Il primo acquedotto romano fu quello dell’Aqua Appia, costruito intorno al 300 a.C.; seguirono l’Anio Vetus, l’Aqua Marcia, l’Aqua Giulia, l’Aqua Adriana. La prima rubinetteria era del tipo a maschio, costruita in bronzo per fusione, successivamente Leonardo Da Vinci progettò un esempio di rubinetteria di svuotamento per esigenze navali. Nel 1738, Blondel, architetto di Luigi XV, progetta una stanza da bagno con due vasche, una per lavarsi l’altra per sciacquarsi, nasce così il bagno moderno. L’invenzione del rubinetto a vite è attribuita al mercante inglese di ferramenta Thomas Grill nel 1800. Con questo dispositivo fu possibile graduare, per la prima volta, il flusso dell’acqua. Con Lab_Metallo abbiamo introdotto tre linee innovative, Lab_MetalloArte è uno studio concettuale basato sullo stile classico/contemporaneo, che prende spunto dalle forme ornamentali di colonne elleniche,  neoclassiche e rinascimentali (Corinzia, Dorica, Elicoidale, Etrusca); con Lab_MetalloPietra la forma della rubinetteria si unisce in connubbio con la famosa pietra Valsesiana proveniente dalla valle del Monte Rosa. Lab_MetalloVetro infine unisce la struttura metallica del miscelatore, alla famosa e originale Murrina Veneziana.

[3d-flip-book mode=”fullscreen” urlparam=”fb3d-page” id=”905″ title=”true”]